Home Social Media Social Ads: meno click, ma più cari

Social Ads: meno click, ma più cari

81
0
facebook ads

Dopo la bolla di Pinterest, mentre il prezzo degli ads su Facebook continua ad aumentare, diminuisce contemporaneamente il numero dei click.

Il mercato dei social network è in crescita e il mondo dell’informazione, web o meno, non perde occasione per ribadirlo: aumentano gli utenti, aumenta il traffico, cresce l’importanza del web 2.0 nel mondo dell’informazione, dell’intrattenimento, del business.

Un mercato, tuttavia, che inizia a dare avvisaglie di saturazione e in alcuni casi, addirittura, un mercato in contrazione: nella fattispecie, Pinterest, dopo una rapidissima ascesa a gennaio e febbraio 2012, sta sperimentando una vera e propria emorragia tra gli utenti. Nel mese di aprile, gli utenti attivi sul sito sono diminuiti da 11 milioni e mezzo a 8,3 milioni. Cifre, comunque, di tutto rispetto, che consentono al sito di photo-sharing di mantenere la terza posizione tra i social network più visitati dagli utenti americani, subito dopo Facebook e Twitter.

Se quella di Pinterest sia solo una bolla è ancora presto per dirlo, mentre ben più evidente è l’anomalia del mercato pubblicitario su Facebook: i Social-ad stanno diventando sempre più costosi e allo stesso tempo, meno efficaci. Gli inserzionisti su Facebook, oggi, sono costretti a pagare in media il 15 percento in più rispetto all’anno scorso: in particolare, il costo del pay per click è aumentato di circa il 23 percento in USA, UK, Canada, Francia e Germania nei primi tre mesi del 2012, mentre il costo medio di acquisizione di un fan è aumentato addirittura del 77 percento nel Regno Unito. Un aumento dei costi pubblicitari che vede la parallela diminuzione dei click sugli annunci Facebook, con una contrazione di circa il 6 percento per gli annunci a pagamento, rispetto all’inizio del 2011.

Una piccola curiosità: in termini di costo per click, l’industria dei servizi finanziari sta pagando più di chiunque altro per gli annunci su Facebook, circa tre volte e mezzo in più rispetto agli inserzionisti dell’area cibi e bevande.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui