Home Gruppo Enel Il Brasile mondiale diventa smart

Il Brasile mondiale diventa smart

36
0

Il Brasile sta diventando una sorta di laboratorio internazionale per lo sviluppo di reti e città intelligenti. Un tema che Enel ha affrontato da tempo, come dimostra l’esempio del progetto Cidade Inteligente Búzios

57 miliardi di dollari. A tanto, secondo gli analisti della Idc Government Insights, ammonterà il valore del mercato delle forniture intelligenti di energia alle città nel 2014.

Il dato è riportato in un interessante articolo firmato da Natasha Singer apparso sull’ultimo numero di Wired, che illustra come Rio de Janeiro si stia preparando ai Mondiali di calcio del 2014 e alle Olimpiadi del 2016.

Una città che sta diventando un vero e proprio laboratorio per le smart cities del futuro, grazie a un avveniristico centro di controllo realizzato dalla IBM che, nelle parole della Singer, appare “uscito da Nasa”.

Un tema, quello dell’importanza delle smart grids, sul quale ho già scritto diverse volte ma che vale comunque la pena di essere ribadito. Perché parlare di sostenibilità e rispetto per l’ambiente non può prescindere da un uso sempre più efficiente e razionale dell’energia.

Tanto per fare un esempio, nell’articolo di Wired si accenna anche al fatto che, nel 2050, circa 2/3 della popolazione mondiale vivrà nelle città. Se a questo aggiungiamo il fatto che la domanda di energia è destinata ad aumentare, la necessità di sviluppare reti e città intelligenti emerge in tutta la sua lampante chiarezza.

Il fatto che il Brasile, economia emergente e trainante nel panorama mondiale, si stia trasformando in una sorta di laboratorio per le soluzioni smart volte a costruire città sempre più sostenibili è una realtà che Enel conosce molto bene.

Proprio al Gruppo si deve infatti Cidade Inteligente Búzios, il primo progetto di smart city di tutta l’America Latina avviato nell’omonima città brasiliana che è stato ufficialmente inaugurato nel novembre scorso.

Un’iniziativa su cui l’azienda ha investito oltre 18 milioni di dollari, e in cui sono applicate le tecnologie intelligenti più innovative sviluppate e collaudate da Enel nei diversi progetti di smart cities, come quelli che hanno coinvolto Malaga e Barcellona in Spagna e Isernia in Italia.

Si tratta di una serie di soluzioni che promettono di dar vita a un’autentica rivoluzione nella rete di distribuzione elettrica dei centri urbani. Una vera e propria svolta epocale, fondata sull’uso di contatori digitali e su un sistema automatizzato in grado di integrare in rete tutte le attività di generazione, le nuove energie rinnovabili e l’utilizzo dei veicoli elettrici.

Búzios potrà anche avvalersi di Archilede High Performance, uno dei sistemi più innovativi di illuminazione pubblica sviluppato da Enel e basato sulla tecnologia Led, che ha già conquistato migliaia di pubbliche amministrazioni non solo in Italia, ma anche in Spagna e in Slovacchia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui